Carbonara…come piace a me

Ingredienti:

  • farfalle o pasta a scelta
  • 2 confezioni pancetta affumicata a dadini
  • mezza cipolla
  • 2 uova
  • parmigiano
  • sale e pepe

In una padella fare rosolare la pancetta a dadini e quando è ben cotta aggiungere la cipolla tagliata finemente.

Nel frattempo fare cuocere la pasta, di solito si usa pasta lunga, ma in questo caso ho usato le farfalle.

In una ciotolina sbattere le uova con il parmigiano sale e pepe.

Scolare la pasta e farla insaporire in padella con la pancetta e cipolla, se necessario aggiungere un po’ di acqua di cottura della pasta, e infine unirvi le uova, il tutto amalgamando bene e a fuoco molto basso.

865e3053257f166054b957b6f99a83c9.jpg

 

e58aff9e682b033baee73a6e9daf3a3e.jpg
Carbonara…come piace a meultima modifica: 2008-07-17T06:45:05+02:00da tortadirose
Reposta per primo quest’articolo

51 pensieri su “Carbonara…come piace a me

  1. Io sono romana e oltre la classica carbonara mi piace anche qualche “rivisitazione”. Con la cipolla e aggiunta di vino, l’ho provata e devo dire che è molto buona.
    Non conoscevo il tuo blog, complimenti…ora vado a leggermi le altre ricette.
    Rosanna

  2. Bene, dopo la moda della rucola inserita a sproposito in ogni piatto, la moda dell’aglio a profusione ora è la volta della cipolla a gogo. Speriamo passi presto anche questa e che si ricominci ad usare gli ingredienti in modo non dico intelligente ma quantomeno appropriato. Cordialmente da un accanico nemico di rucola, aglio e cipolla. Emanuele

  3. Sarà anche buona ma chiamala in un altro modo perchè in comune con la carbonara ha solo le uova…come dice Paolo mai farfalle e mai la cipolla e io aggiungo mai pancetta (affumicata poi…) e parmigiano…a Roma si fa con guanciale e pecorino…le rivisitazioni sono una cosa, le semplificazioni un’altra…

  4. Se metti le uova nella padella dove salti la pasta viene fuori una frittata… devi ripassare la pasta in padella con guanciale o con pancetta e se proprio vuoi puoi inserire un quinto di affumicata cruda e non cotta….. quando togli dal fuoco metti due rossi d’uova e amalgami bene con il formaggio….

  5. Io la faccio così:
    guanciale di fossa a dadini-uova solo tuorlo-pecorino grattugiato-pepe nero macinato-cipolla e prezzemolo.
    amalgamare il tuorlo di 2 uova a persona con pecorino grattugiato pepe nero e un pizzico di prezzemolo fresco tritato fino a formare una crema poco densa.
    Arrosolare poca cipolla dentro una padella con dell’olio di oliva extra . quando la cipolla sara’ dorata, eliminatela dall’olio di modo chè rimanga solo il suo aroma. adesso buttate dentro l’olio bollente il guanciale tagliato a dadini e fatelo arrosolare, a questo punto buttate il tutto dentro la crema di uova e girare il tutto in modo che l’uovo prenda un prima scottata senza formare grumi.
    Appena gli spaghetti o i bucatini saranno cotti al dente, scolateli lasciandogli poca acqua di cottura, riversateli in un contenitore e versategli dentro la crema di uova che con il calore della pasta, mentre voi la mescolerete, si cuocerà al punto giusto, rimanendo cremosa e senza grumi pronta da servire, provare per credere.

  6. Poveri noi ormai ci stanno rovinando tutti i nostri piatti….fate la matriciana con il basilico dato che mettete il prezzemolo nella carbonara o il cacio e pepe con il peperoncino….ma perchè non fate sti piatti chiamandoli in altro modo….non vi costa nulla…

  7. ma…………………quale carbonara………………cuochi della domenica.

    guanciale con poco olio e un pò di vino fino a evaporazione, ripassare la pasta ( questa può essere a piacere………..ma lunga è meglio) sbattere soltanto i rossi delle uova ( due o più a seconda della quantità di pasta (di solito un rosso ogni due persone + uno) con pecorino e pepe nero mettere la pasta nel piatto di portata e amalgamarla con le uova poi coprire e scoperchiare a tavola.
    poi ………………fatemi sapere.

  8. Io non sono romana ma rabbrividisco solo sentendo che si fa cuocere bene la pancetta e poi si mette la cipolla…. la cipolla deve avere il tempo di cuocere, scindendo questo concetto dalla carbonara.
    Io faccio cuocere la pancetta a fuoco medio e poi butto via l’olio, sbatto un uovo intero e un tuorlo a persona con parmigiano e un po’ di panna in modo che diventa cremoso e non si asciuga. poi scolo gli spaghetti condisco con la “crema” e infine quando impiatto decoro con la pancetta. Comunque ora che so gli ingredienti originali della carbonara proverò con quelli…. Ma il pecorino romano ha un sapore forte? I non amo il pecorino, ma conosco solo quello sardo

  9. Io non sono romana ma rabbrividisco solo sentendo che si fa cuocere bene la pancetta e poi si mette la cipolla…. la cipolla deve avere il tempo di cuocere, scindendo questo concetto dalla carbonara.
    Io faccio cuocere la pancetta a fuoco medio e poi butto via l’olio, sbatto un uovo intero e un tuorlo a persona con parmigiano e un po’ di panna in modo che diventa cremoso e non si asciuga. poi scolo gli spaghetti condisco con la “crema” e infine quando impiatto decoro con la pancetta. Comunque ora che so gli ingredienti originali della carbonara proverò con quelli…. Ma il pecorino romano ha un sapore forte? I non amo il pecorino, ma conosco solo quello sardo

  10. Salve a tutti (almeno io saluto!), sapevo che sarei stata attaccata, infatti nel titolo mi sembra di avere scritto “come piace a me”. Rispondo in generale: ci metto la cipolla xchè gli da un gusto migliore, gli metto il parmigiano xchè mi piace, ho scritto anche che di solito si usa la pasta lunga (avendo mangiato linguine 2 giorni di seguito ho voluto cambiare), la pancetta xchè comunque si può sostituire al guanciale e a me piace affumicata e x ultimo non vedo frittata nelle foto…. a proposito la chiamo lo stesso carbonara (e chi non va bene pazienza) e a me è piaciuta un bè!!! Volevo ricordare che il blog è comunque un diario dove ognuno scrive le proprie impressioni, critiche (e vi ringrazio siete stati numerosi) in questo caso scrivo le mie ricette che possono seguire quelle ufficiali oppure stravolgerle con qualche aggiunta….la cucina è creatività!
    Un saluto a tutti… a presto

  11. si proprio vero …….. povera carbonara………
    comunque sia, ritengo quando si prepara un piatto, soprattutto regionale, ricordarsi delle origini quel cibo, la sua terra, la sua storia, e risalire ai tempi, a quei tempi…….. ad ogni modo la cipolla ci stava, poca, trita fina fina, appena imbiondita nell’olio, per poi metterci il guanciale tragliato a dadini o striscioline per farle prendere il profumo, e poi…………
    e il pecorino, ci sta, e va messo alla fine, quando la pasta viene saltata in padella, dopo una bella macinata di pepe, il pecorino è la morte sua…….. altro chepancetta (affumicata poi ?!?!?!? quale bestemmia culinaria) oooooh, e non azzardatevi a metterci la panna, he ? come spesso fanno quelli del nord.
    un saluto
    roberto

  12. Sapete cosa vi dico la carbonara ognuno se la fa come meglio gli pare, tanto alla fine e tutta roba commestibile, buon appetito a tutti gli intenditori, io quando cucino la mia, gli ospiti mi hanno sempre fatto i complimenti, vorra dire che non capiscono nulla neanche loro, pazienza.

  13. STANDIN OVESCION PER ROBI!!!

    Ogni ricetta ha la sua regione d’origine, la sua storia, ok ma dove la mettiamo un pò di creatività che fa grande la cucina italiana nel mondo???? E poi Saretta ha pure scritto, bello in grande, “…come piace a me”…!!! Comunque è bello pure leggere tutti questi commenti e i suggerimenti: io la carbonara la preparo con la pancetta dolce, l’aglio, e l’uovo (tutto) lo metto solo alla fine, quando salto gli spaghetti (che adoro) sulla padella dove ho rosolato la pancetta, senza farlo rassodare troppo perchè è più buono quando è cremoso sulla pasta!!! E grana, al posto del parmiggiano, che preferisco. E sto già sbavando, accidenti!!!
    Baci a Sara!

  14. un saluto a tutti, ho letto con piacere le Vs opinioni in merito alla carbonara e sono tutti condivisibili, ma i criticoni sanno solamente criticare ? non ho letto nulla di come farla “alla romana verace ” , mi ricordo di uno spot televisivo dove si diceva ” ma l’aglio nella carbonara ? e il coro noooooooooo” allora lo date un modo romano di fare sta benedetta carbonara ? saluti a tutti e buone vacanze

  15. l’ingrediente principale della carbonara e’ il pecorino romano.

    mai il parmigiano!

    l’uovo va montato a crema con il pecorino.

    il soffritto e’ solo con il guanciale, niente aglio e cipolla,e va aggiunto bollente sulla pasta condita precedentemente,con la crema di uova e pecorino.

  16. Spero che non la cucini così se hai una cena romantica… rischi un flop!!!

    Ascolta qualche consiglio:
    1. Pasta lunga (spaghetti 12 de cecco, sono perfetti),
    2. cipolla di tropea, mai bianca, e tagliata a dischi (anche se nella ricetta originale non ci va, maa ragion veduta si sposa benissimo),
    3. Pancetta olce, non affumicata, e mai preconfezionata a dadini, usa quella in tranci, la riconosci perchè diventa semitrasparente.
    4. Usa solo il tuorlo dell’uovo e sbattilo già con una aggiunta di parmigiano.
    5. Aggiungi se vuoi del vino bianco prima di chiudere il soffritto di pancetta.
    6. A fine cottura salta la pasta in padella con la pancetta, e assicurati che sia “unta” al punto giusto dall’olio prima di buttarci l’uovo sbattuto (altrimenti s’attacca)
    7. Aggiungi scaglie di parmigiano
    8. Provaci e dimmi com’è andata!

    Vero è che nella ricetta originale la cipolla non ci va, ma anche io la aggiungo.

  17. Salve a tutti.Scusate ma manca un ingrediente fondamentale.Poi io ne metto un altro segreto essendo cuoco.PREMETTO UNO/A la può fare come vuole ,ma la cipolla nooooooooooooo.Il formaggio puo variare da dove vivi e dal gusto che ti puo piacere (pecorino,parmiggiano,grana).La pasta deve essere al 100% (SPAGHETTI,BUCATINI ,ANCHE I VERMICELLI)MA NON FARFALLE O PASTA CORTA.

  18. ….sembra che qui ci siano solo cuochi professionisti.
    la proprietaria di questo blog ha scritto un suo parere personale e tutti a darle contro…povera anima.
    tempo fa su canale 5 uno chef pluripremiato dal Gambero Rosso ha dato la sua personale ricetta della carbonara e volete scandalizzarvi un pò? ha aggiunto gli albumi montati a neve ai tuorli già sbattuti con il pecorino. Ma nessuno gli ha mollato i leoni per sbranarlo! Io ho provato una volta e devo dire che il risultato è un pò più cremoso ma è sempre meglio l’originale (anche se sono del nord la panna non la metto).

  19. Ragazzi… non per disturbare le vostre dotte disquisizioni, ma volevo solo ricordarvi che forse ci sono cose un attimo più importanti su cui discutere di come cucinare un piatto di pasta.
    Ognuno si cucini la sua carbonara come preferisce, la mangi con calma, faccia pure il ruttino(se gli va), ma poi si dia una mossa e vada a fare qualcosa di utile per il mondo!
    scusate lo sfogo.

  20. Ciao a tutti, comunque Sara ha ragione, perchè ha detto a modo mio, non è che ha voluto fare una carbonara alla romana, ma una carbonara come piace a lei, a parte che bisogna fare solo i complimenti, e perchè no anche critiche, a chi usa molto la fantasia in cucina, anche perchè la cucina è fantasia, e poi la cucina è un godimento se non godi con il palato che gusto c’è.
    Un saluto a tutti e buona cucina.

  21. la cipolla non l’ho mai provata pero’ il pepe e’ un ingrediente fondamentale; per quanto riguarda le uova io sbatto sempre anche l’albume (uno ogni due uova) e nella “sbattitura” aggiungo anche un goccio di latte oltre al parmigiano. Assolutamente pero’ non va ripassata in padella se no l’uovo si rapprende e si perde la cremosita’

  22. Grazie Cristina, grazie Sergio…..
    Proprio ieri mi è capitato sfogliare qualche rivista e libro di cucina e ho visto che la carbonara viene proposta con diverse aggiunte, di panna, di vino, di formaggio gratuggiato (senza specificare quale), in questo caso è stata aggiunta la cipolla e quindi che c’è di male? Non ho mai sentito di rivolte o denunce di chef verso giornali e libri di cucina, ma anzi sono proprio quest’ultimi che ci propongono continuamente rielaborazioni di ricette regionali e non (usando sempre il nome originale), sono loro che ci insegnano che la cucina è creatività (si vede che la maggior parte dei criticoni non ne ha); Magari l’unico mio errore sarà stato non usare la pasta lunga ma x il resto non vedo quale sia la tragedia! In conclusione me la sono mangiata ed era pure buona (provare x credere!) Saluti a tutti

  23. Fare una critica non significa sbranare…tanto più su un argomento del genere…si voleva solo far notare che ci sono dei piatti tradizionali di cucine peraltro piuttosto povere (come quella romana) i quali vengono realizzati con pochi, pochissimi ingredienti, ma se li si cambia si cucina un altro piatto (vedi ad esempio cacio e pepe…). Infatti, non usando guanciale e pecorino il gusto perde un pò e allora che facciamo? Per fare i creativi ci mettiamo la cipolla…e infatti facciamo una cosa (non carbonara) come piace a noi…
    Per i puristi: si può fare benissimo anche con talune paste corte (ad esempio i rigatoni) e l’uovo si può mettere anche intero
    Per i creativi: avete provato a farla con i fiori di zucca?
    Per quelli del Gambero Rosso: mica siamo tutti perfetti…

  24. La carbonara infiamma gli animi!
    Quante critiche… e pensare che questo è uno dei modi più diffusi di realizzare questo piatto (cipolla a parte)!!
    Non so come si possa dire in modo così categorico: “a Roma si fa così”.
    Io non sono romana ma vivo a Roma da 11 anni e vi assicuro che nessuno esegue la stessa ricetta: uovo crudo, uovo cotto, pancetta affumicata, guanciale, pasta lungua, pasta corta, uovo intero o (pochissimi per fortuna) solo tuorlo…
    Penso che l’importante sia non affermare che “questa è la vera ricetta” perchè le tradizioni per cucinare questo come tutti i piatti della cucina italiana sono tante quante sono le famiglie italiane e non capisco perchè una debba essere meno valida di un’altra.
    Bah… che accanimento inutile! Invece di essere contenti di sperimentare nuove varianti…

  25. Non capisco questo accanimento…
    Io non sono romana ma vivo a Roma da 11 anni e vi assicuro che nessuno dei miei molti amici romani la fa allo stesso modo: pasta lunga o pasta corta, uovo crudo (quasi nessuno) o uovo ripassato (il 99,9%), guanciale o pancetta affumicata, uovo intero (il 99,9%) o solo tuorlo, pecorino o parmigiano…
    Non si può dire “questa è la vera e unica ricetta” perchè per questo come per la maggiorparte dei piatti italiani, ci sono tante tradizioni quante sono le famiglie italiane. Come si fa a dire che una è più valida di un’altra? Dovreste essere contenti di conoscere nuove varianti piuttosto!

  26. Mi chiamo Jacopo , ho 16 e sono un buon gustaio.
    Mi piace cucinare ma soprattutto mangiare!!
    La mia carbonara ideale prevede i seguenti ingredienti:
    -Spaghetti
    -Uova intere (senza guscio)
    -Pecorino
    -parmigiano
    in parti uguali;
    Aglio,Cipolla;Olio,Speck.
    Buon appetito a tutti e fate tanti rutti!!!!!!!

  27. La carbonara “originale” la facevano i Carbonari che stavano fuori casa, sui monti, per fare il carbone, alcune settimane. Loro la facevano nei boschi con il fuoco a legna con gli ingredienti che avevano
    Portavano da casa
    -pancetta “affumicata” perchè non si irrancidiva
    -lardo salato perchè non si irrancidiva (ne mettevano poco insieme alla pancetta per la Carbonara perchè sopratutto lo usavano come companatico tagliandolo con il loro coltellino a fettine e lo portavano alla bocca con il pane nero una bontà divina anche oggi)
    -uova perchè non si deterioravano; le usavano infatti, solo il rosso, nella Carbonara mentre la maggior parte le bevevano dopo aver praticato un piccolo foro nel quale mettevano un po’ di sale preso dal lardo
    -formaggio pecorino (non parmigiano) perchè era un buon mangiare anche con il pane
    -vino nero (oggi lo chiamiamo rosso ma ne usavano poco per la Carbonara) perchè lo portavano ai monti per bere
    -non avevano olio, ma avevano lo strutto, le cipolle, l’aglio, il peperoncino (non avevano il pepe)
    -avevano gli spaghetti (erano spaghetti, spaghi grossolani fatti a casa con il violino e seccati nel forno dal pane nel momento in cui iniziava a diventare freddo)

    Provate a farla anche con questi ingradienti vedrete, vedrete.

    Ps: gli spaghi fatti con la farina intera li potete far essicare nel forno di casa.

Lascia un commento